IconeIconografiaLa TeologiaLa TecnicaIl ColoreLe Croci...EventiIl CeroContatti

 

 

La Tecnica

 

 
La tavola-la scelta del legno è importante si usano legni che si imbarchino il meno possibile e permettono di accogliere la tela incollata e la pittura. Le tavole dopo un periodo di stagionatura vengono preparate per l'intaglio e la cornice. La cornice deve essere ricavata sulla faccia della tavola che è rivolta verso il centro del tronco. Durante gli anni,le sezione degli anelli si distendono e producono una deformazione che si può notare nelle antiche icone.

L'interno incavato della tavola si chiama Kovtcheg. Il Kovtcheg simboleggia L'Arca dell'Alleanza. La cornice di solito porta iscrizioni,preghiere e storie della vita  del Santo. Possiamo trovare anche icone senza incavo,ma solamente con la cornice in oro o in ocra gialla  con intorno comunque le iscrizioni del Santo. Per le tavole di grandi misure per evitare che si imbarchino notevolmente si mettono nella parte posteriore due rinforzi .

Dopo aver preparato la tavola si passa alla tela che verrà applicata con uno strato di colla dopo aver inciso la tavola per farla aderire meglio. Di solito viene usata la colla di pesce che tra l'altro è la migliore, oppure la colla di pelle, colla di osso,colla da falegname. Sulle icone antiche si trova raramente la tela tra il legno e il gesso. Il fondo veniva messo direttamente sul legno; la tela  cominciarono a metterla verso la fine del XIV secolo. La  tela  aiuta a non far staccare la pittura dalla tavola creando uno strato unito e resistente nel tempo. Poi si passa alla preparazione del Levkas o fondo bianco che richiede molta cura,che sarà la base su cui si andrà la pittura. Esso deve essere omogeneo e  liscio sulla superficie. Il nome Levkas viene dal greco:leukòs, bianco. Questo fondo veniva fatto con polvere di alabastro più tardi si utilizzerà il gesso(bianco di Spagna o il bianco Meudon). Il disegno dell'icona è di grande importanza perchè è la struttura che determina la superficie da dipingere,ci sono vari modi per riportare il disegno sulla tavola,a mano libera con carta grafite a spolvero.                       Per la pittura come da tradizione si usano colori minerali,organici,terre colorate. Quando si dice che per dipingere un icona è stata utilizzata la tempera all'uovo significa che.....

La Tempera all'uovo:Si è diffusa a Bisanzio in Europa nel XV secolo. In Italia si chiamava tempera(parola che designava ogni sostanza che legasse il colore). Per la sua composizione,il tuorlo d'uovo può formare,diluito nell'acqua,un emulsione stabile. Per evitare la sua decomposizione,si aggiunge dell'aceto. Per l'azione dell'olifa (vernice per le icone),gli strati del  colore diventano trasparenti e lasciano apparire quelli inferiori. Inoltre il tuorlo d'uovo aiuta i colori a conservare la loro vivacità resistendo all'azione della luce. I colori industriali della tempera all'uovo non hanno queste qualità per il fatto che si aggiungono loro sostanze estranee per conservarli.

 

 

 

     

WebMasterPontecorvi®